ROMA MUSEO MACRO
27.11.2015 / 17.4.2016
MOSTRA ANTOLOGICA
A CURA DI
ACHILLE BONITO OLIVA

Press Room

INFO STAMPA

 

Ufficio Stampa Mostra


 

Lucia Crespi

tel. +39 0289415532

cell. +39 3388090545

lucia@luciacrespi.it

 

Maurizio Rossi

tel. +39 3482380828

press@dorflesmuseomacro.it

Ufficio Stampa MACRO


 

Patrizia Morici

tel. +39 0682077371

cell. +39 3485486548

p.morici@zetema.it

stampa.macro@comune.roma.it

Comunicato stampa

PAROLA CRITICA / italiano

download
Comunicato stampa

italiano

download
Press release

english text

download
Immagini ad uso della stampa

download

PAROLA CRITICA

Il ciclo di incontri in cui testimonial d’eccezione esplorano i territori del pensiero critico di Gillo Dorfles.

 

Giorgio Battistelli, Stefano Catucci

Note dal presente: musica e arti visive.

 

Sabato 23 gennaio 2016

programma

Roma celebra per la prima volta l’opera totale di Gillo Dorfles, la sua arte e il suo pensiero

“Riuscire a capire le trasformazioni etiche, estetiche e filosofiche del tempo è la capacità che andrebbe più a lungo mantenuta.”

Gillo Dorfles

Dal 27 novembre 2015 al 30 marzo 2016, il MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma ospita la mostra Gillo Dorfles. Essere nel tempo a cura di Achille Bonito Oliva, coordinamento scientifico e progetto di allestimento di Fulvio Caldarelli e Maurizio Rossi: la prima antologica che rende omaggio all’opera totale di un padre storico della cultura visiva italiana, tra produzione artistica, pensiero critico e teorie estetiche.

 

La mostra è promossa da Roma CapitaleSovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con il patrocinio del MiBACT, e organizzata dal Centro interdisciplinare di ricerca sul paesaggio contemporaneo in collaborazione con Zètema Progetto Cultura.

 

Gillo Dorfles, l’artista e il critico d’arte: due anime distinte, due differenti modi di vivere la relazione con il tempo. Da un lato, i tempi del mondo interiore: la sua vivacità espressiva autarchica e personalissima, imperturbabile di fronte all’avvicendarsi di avanguardie e correnti artistiche. Dall’altro lato, i tempi del mondo esteriore, l’orizzonte mobile della storia: il suo sguardo che indaga le oscillazioni del gusto, le evoluzioni estetiche e comportamentali del presente che caratterizza ogni epoca.

 

Oltre 100 opere, alcune delle quali esposte per la prima volta: dipinti, disegni e opere grafiche, ma anche una selezione di ceramiche e gioielli. Un inedito percorso attraverso il tempo, dalle creazioni più recenti (inclusi tre dipinti inediti realizzati nell’estate 2015) alla fondazione del Movimento per l’Arte Concreta (in mostra, anche documenti originali e cataloghi storici delle prime esposizioni), fino agli esordi giovanili degli anni Trenta. Un corpo espositivo in cui le coordinate temporali tendono però a dissolversi nella sincronia di un lungo presente, tuttora in espansione.

 

Per la prima volta, l’esposizione delle opere d’arte di Dorfles, è completata da due sezioni dell’allestimento, complici e complementari, che diventano occasione per ripercorrere oltre un secolo di storia, tra parola e immagine.

 

Istantanee è la sezione documentaria che raccoglie un ricchissimo repertorio fotografico e il corpo inedito dei carteggi che testimoniano il dialogo, l’amicizia e le affinità elettive di Dorfles con alcuni degli artisti e intellettuali più significativi del Novecento. Biografia che da personale si fa collettiva.

 

Dalle fotografie tratte dall’album di famiglia ai ritratti d’autore realizzati da amici fotografi come Ada Ardessi, Graziano Arici, Giovanna Dal Magro, Fabrizio Garghetti, Ugo Mulas e Ferdinando Scianna. Scritti autografi, lettere, appunti e annotazioni. E le poesie scritte negli anni Quaranta, apprezzate da amici come Saba e Montale, ma rimaste a lungo nel cassetto affinché superassero la prova del tempo.

 

Previsioni del tempo è la sezione intitolata allo sguardo lungimirante di Dorfles che ha sempre saputo avvistare il domani. Uno sguardo che rileva e coglie trasformazioni, mutazioni e stratificazioni apparentemente impercettibili: la realtà delle cose, sotto l’influenza del tempo. Critica d’arte, estetica, architettura e design, musica e teatro, sistema dell’informazione e fenomenologie della comunicazione di massa, moda e costume sono alcuni dei saperi che concorrono alla lettura e all’interpretazione dello spirito dei tempi.

 

Citazioni tratte dalla produzione saggistica; estratti di docufilm, video-interviste e filmati di repertorio provenienti dall’archivio RAI Teche; postazioni audio che ripropongono interventi radiofonici. Un racconto modulato in prima persona, attraverso la viva voce dell’autore e che documenta la vastità dei territori esplorati da Dorfles al di là dei recinti disciplinari. Una narrazione diffusa che non può e non vuol essere esaustiva, ma evocativa: la sfida è che, all’uscita dalla mostra, la curiosità si faccia interesse e l’incontro frequentazione.

 

Durante il periodo di programmazione della mostra, il MACRO ospiterà due cicli di incontri ad ingresso libero: un calendario di appuntamenti di grande interesse, concepito per un pubblico allargato, il cui carattere divulgativo sarà valorizzato attraverso la pubblicazione on line delle lezioni-evento sul sito web ufficiale della mostra.

 

Parola critica, a cura del Centro intedisciplinare di ricerca sul paesaggio contemporaneo, è la serie di talk dedicati ai temi fondamentali del pensiero critico di Gillo Dorfles. Tra i relatori: Giovanni Anceschi, Giorgio Battistelli, Mario Botta, Massimo Carboni, Aldo Colonetti, Andrea Cortellessa, Stefano Catucci e Ugo Volli.

 

Lezioni ad arte, è il ciclo di lezioni accademiche risultato del progetto didattico-scientifico ideato da docenti delle più importanti istituzioni universitarie di Roma, in collaborazione con la Didattica del MACRO – Area Università, Accademie e Progetti Speciali. Relatori: Eugenia Battisti (Archivio Eugenio Battisti), Rossana Buono (Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”), Laura Iamurri (Università degli Studi di Roma “RomaTre”), Carla Subrizi (Università degli Studi di Roma “La Sapienza”).

 

La Didattica del MACRO propone, inoltre: laboratori esperienziali sul mondo del colore (rivolti a bambini dai 5 ai 12 anni di età) realizzati con il sostegno di Faber-Castell; workshop Il colore del ricordo, esplorazione guidata al potere evocativo dei colori e alla realizzazione di un libro d’artista.

 

In occasione della mostra sarà presentata la prima delle sei tazzine della nuova illy Art Collection firmata da Gillo Dorfles. La collaborazione con illy, sponsor ufficiale di “Gillo Dorfles. Essere nel tempo”, nasce all’insegna di un’affinità che trova conferma non soltanto nelle comuni origini triestine, ma soprattutto nello stesso orizzonte culturale mitteleuropeo e nella predilezione per le arti contemporanee.

 

Il catalogo della mostra (pubblicato da Skira Editore, Milano) comprende, oltre al saggio critico del curatore Achille Bonito Oliva, scritti di Umberto Eco e Luigi Sansone. La pubblicazione è impreziosita da una vasta antologia critica dedicata alla produzione artistica di Dorfles e da una sua recente conversazione inedita con Fulvio Caldarelli e Federica Pirani.

 

Segnaliamo inoltre che Skira Editore ha appena pubblicato il saggio dedicato a Gillo Dorfles “Gli artisti che ho incontrato” a cura di Luigi Sansone.

Gillo Dorfles firma la nuova illy Art Collection

Roma, 26 novembre 2015 – illycaffè è sponsor della mostra “Gillo Dorfles. Essere nel tempo”, la prima grande antologica che celebra l’arte e il pensiero dell’artista contemporaneo. La mostra, inaugurata questa mattina al Museo MACRO di Roma, sarà aperta al pubblico dal 27 novembre 2015 al 30 marzo 2016.
Per l’occasione, Gillo Dorfles, artista, nonché critico d’arte, intellettuale, sociologo delle arti ed estetologo, ha disegnato la nuova illy Art Collection.

 

L’artista triestino si è ispirato ad alcuni suoi disegni decorativi per tessuti, realizzati su carta tra il 1937 e il 1940 con la tecnica della tempera grassa all’uovo, un’antichissima pratica dei grandi maestri del ‘400. Dorfles ha scelto di riprenderli, giocando con la ripetizione di alcuni elementi grafici e con la reinterpretazione di segni archetipi.

 

Sulla illy Art Collection, le forme-colore dell’universo immaginifico che continuano a contraddistinguere la poetica di Dorfles, trasformano la pausa caffè in una esperienza estetica completa che restituisce la giusta misura del nostro essere nel mondo.

 

La collaborazione tra l’artista e illycaffè nasce all’insegna di una profonda condivisione di valori e visioni. Una vicinanza che trova conferma non soltanto nella città natale di Trieste, ma soprattutto nello stesso orizzonte culturale mitteleuropeo. Se Gillo Dorfles si è occupato delle forme espressive emergenti e ha concentrato il proprio sguardo lungimirante sul divenire delle arti, allo stesso modo illycaffè ha fin da subito sostenuto con coraggio talenti emergenti e abbracciato le istanze dell’arte contemporanea come suo territorio di elezione.

 

”Il bello esiste ancora ed esisterà sempre. A meno che il mondo non diventi talmente “brutto” da trasformare l’uomo in <<bruto>>” afferma Gillo Dorfles , riflettendo sulla continua evoluzione dell’arte.

 

“Con Gillo Dorfles sentiamo di aver molto in comune: le stesse origini cittadine, l’amore per l’arte e il design, un certo modo di guardare verso il futuro con occhio oggettivo ma nello stesso tempo sognatore”, dichiara Andrea Illy, Presidente e Amministratore delegato illycaffè. “È stato dunque con grande gioia che abbiamo deciso di partecipare alla mostra “Gillo Dorfles. Essere nel tempo” e non potevamo perdere quest’occasione per chiedergli di firmare, da autore, una illy Art Collection, la collezione di tazzine che annovera da oltre 20 anni i più grandi esponenti dell’Arte Contemporanea”.

 

La collezione sarà esposta in anteprima in occasione della preview della mostra personale “Gillo Dorfles. Essere nel tempo” al Museo MACRO di Roma e sarà disponibile a partire da febbraio 2016 nei punti vendita illy e sul sito www.illy.com.